Le nostre recensioni


Sistema Immunitario
e Vaccinazioni
Dove andrà a finire 
l'economia dei ricchi?
Virus letali e 
Terrorismo mediatico
Kankropoli La Mafia della Sanità

Acquistalo subito
Ciò che i dottori non dicono Malattia e destino L'uomo che ha inventato 
il XX secolo
E la Verità vi renderà Liberi Introduzione alla 
Nuova Medicina

Acquistalo subito
Il Secolo Biotech La medicina sottosopra Un po' di verità Le bugie della scienza La vera storia dell'AIDS

Il Settimo Senso AIDS il virus inventato Le Società Segrete La fattoria biologica Mani pulite. La vera storia

 

Sistema Immunitario e Vaccinazioni
dott. Heinrich Kremer ed. MACRO
ISBN: 88-7507-475-5, € 9,50, pagine 108

Seguo da diversi anni e con molto interesse il lavoro del dottor Heinrich Kremer. Un Medico decisamente con la emme maiuscola, e non per via dei suoi titoli accademici (dottorati in medicina, psichiatria, neurologia nonché numerosi studi in psicologia e sociologia) ma per essere divenuto uno dei più autorevoli scienziati a livello mondiale nelle ricerche contro le patologie degenerative come il cancro, l'AIDS e i danni da vaccinazione.
Proprio questi ultimi sono il tema principe di questo libro. Più che un libro vero e proprio è la relazione che il dottore ha tenuto il 18 febbraio 2001 a Povo di Trento; una relazione che ahimé non ho potuto seguire personalmente, ma che questo testo ha ricostruito in maniera dettagliata.
Il "libro-relazione" parte illustrando con tanto di grafici scientificamente inconfutabili l'andamento - quello vero - delle malattie infettive negli ultimi cento anni, evidenziando l'assurdità teorica che sta alla base della prevenzione vaccinica, e cioè che le grandi epidemie sono scomparse dopo l'avvento delle vaccinazioni di massa. Da questa «smentita» obbligatoria e certamente illuminante, il dottor Kremer passa alla descrizione del Sistema Immunitario vero e proprio, spiegando come e perché le cellule programmate per la difesa intervengono, e come e perché non lo fanno. La comprensione di questi meccanismi è di fondamentale importanza per integrare l'effettivo funzionamento delle vaccinazioni di massa, dei rischi a breve e a lungo termine che ne derivano. Proprio così: Kremer fa uno specifico riferimento ai «rischi a lungo termine» - e non solo a quelli immediatamente dopo la vaccinazione, questo perché: «l'eventuale mutazione a livello di DNA mitocondriale può dare luogo ad una disposizione per eventuali malattie». Avete capito? Non rischia solo il pargoletto di pochissimi mesi -con il sistema immunitario ancora da formare-, ma anche lo stesso divenuto adulto potrà presentare predisposizioni ad alcune serie malattie. «Gli stimoli ricevuti nell'infanzia al sistema immunitario - spiega il dottore - determineranno poi, da adulti e nel corso di tutta la vita, un tipo di risposta, da parte dell'organismo agli agenti patogeni, dipendente dagli stimoli esterni».
Ma allora...come devono comportarsi i neogenitori? Cosa dovrebbero fare tutti quelli come me che sono stati obbligatoriamente «immunizzati» da piccoli? Kremer lo spiega pagina dopo pagina, tabella dopo tabella, capitolo dopo capitolo in maniera fluida e alla portata veramente di tutti.
Un libro assolutamente dal leggere,
soprattutto perché la comprensione del sistema medico-preventivo più diffuso e forse più pericoloso al mondo, è importantissima per la salvaguardia della nostra salute e di quella dei nostri figli. Salute, che oggi come oggi, non può essere decisa per coscienza ma viene addirittura imposta per legge da un manipolo di personaggi "vaccinati", non contro le malattie infettive ahimé, ma dalle responsabilità civili e penali di eventuali danni collaterali a breve e/o lungo termine. 
Obbligano a fare le vaccinazioni ma nessuno risponde dei danni. Non è un po' strano?

Acquistalo subito

 

 

Dove andrà a finire l'economia dei ricchi?
di Domenico De Simone, ed. Malatempora www.malatempora.com 
ISBN: 88-8425-104-4, € 9, pagine 93

Un'altra grande provocazione del controeconomista italiano che ha sostenuto la necessità del "reddito universale" di un milione al mese per tutti, tassando i ricchi (tobin tax ed oltre) per dare ai poveri, ai precari, ma anche agli altri, cioè a tutti: "Un milione al mese a tutti subito".
Libro superdiscusso, che ha dato il via a progetti di legge a Camera e Senato, che ha trovato 60mila firme per la legge popolare, libro cult di cui questo testo è la naturale prosecuzione.
L'economia è avviata su una china pericolosa quanto stupida, inconsistente quanto miope, accecata da un profitto immediato paracriminale, alla conquista di ogni spazio del sociale e verso una deriva di "soldi di carta", con una tassazione idiota e poliziesca al seguito di una tecnologia che si fa dottrina.
Il ritratto vero dell'economia di oggi, e di domani, nella sua folle corsa verso il nulla.

 

AIDS: il virus inventato (prefazione del Premio Nobel Kary B. Mullis)
Dott. Peter H. Duesberg, ed. «Baldini & Castoldi».

"L'HIV non provoca l'AIDS. L'AIDS non si trasmette per via sessuale. L'AZT peggiora l'AIDS".
Queste non sono le dichiarazione di un pazzo scatenato in vena di pubblicità per vendere qualche copia in più del libro, ma le parole nude e crude di uno dei più grandi scienziati viventi: Peter Duesberg. Docente di biologia molecolare e cellulare presso l'Università di Berkeley, pioniere nella ricerca dei retrivirus (l'HIV è un retrovirus) e primo scienziato ad aver isolato un gene del cancro.
Potete già immaginare la portata e il significato di questo libro!
Cosa d'altronde aggiungere con una prefazione scritta da un nientepopodimenochè Kary B. Mullis, Premio Nobel per la Chimica nel 1993 che recita: "...errare è umano, ma l'ipotesi Hiv-Aids è un errore macroscopico. Lo dico forte e chiaro per mettere in guardia la gente".
Bel casino vero?
Da una parte vi sono centinaia di migliaia di ricercatori, che come Sherlock Holmes, indagano grazie ai miliardi di dollari messi a disposizione ogni anno dai governi, e giurerebbero a occhi chiusi che il virus Hiv esiste ed è colpevole della Sindrome. Forti delle loro statistiche epidemiologiche.
Dall'altra abbiamo migliaia di ricercatori, tra cui calibri come Duesberg, Mullis, Kremer, ecc. che dichiarano pubblicamente che non è mai stato isolato alcun virus e che quindi l'AIDS è una bufala gigantesca. Chi ha ragione?
Visto che i media in generale -pagati dalle stesse figure che foraggiano le ricerche scientifiche- danno spazio solo ai ricercatori per così dire ufficiali, cioè a quelli che seguono le teorie più accreditate, leggetevi il libro perché è importante ascoltare le voci fuori dal coro. 
Voci in questo caso autorevolissime. 

 

Introduzione alla Nuova Medicina
La genesi delle malattie e in particolare del  cancro
Dott. Ryke Geerd Hamer, ed. «Amici di Dirk», Fuengirola, Spagna.

"La salute è essenzialmente informazione!". Così recita la prefazione di questo libro. 
Cosa aggiungere? Come non essere totalmente d'accordo con questa affermazione? 
Non sarei certo qui a pubblicare articoli nel sito, ne tantomeno recensire questo testo!
Testo che per il mio personalissimo e soprattutto spassionatissimo parere, non deve assolutamente mancare nella libreria domestica. 
La Bibbia può anche non esserci, ma l"Introduzione alla Nuova Medicina" no! Questo naturalmente per tutti quelli a cui sta più a cuore la salute che la fede. 
La Nuova Medicina codificata nel 1981 dal dott. Geerd Ryke Hamer e verificata a livello universitario nel 1998, è oggi la teoria più incredibilmente vicina alla verità rispetto a qualsiasi altra teoria medica ufficiale e non. 
Ho avuto modo di constatare nella realtà svariate volte, come la malattia in generale, rispetti perfettamente le Cinque Leggi proposte da Hamer. Leggi semplici, biologiche che spiegano però l'origine e quindi la causa (molto spesso traumatica) della malattia. 
Tumori, infarti e qualsivoglia patologia, anche più leggera, si manifestano in quel organo invece di un'altro, in quel periodo piuttosto che un altro, perché seguono delle semplici leggi biologiche. 
La comprensione di queste leggi permette di ritornare in possesso del nostro stato di salute.
Un'arma potentissima che le multinazionali stanno boicottando con tutti i mezzi. Questo spiega perché il dott. Hamer, radiato dall'albo dei medici, è costretto a vivere in esilio in Spagna. Come un criminale. 
Un libro da leggere perché la salute è il bene più prezioso che ci è ancora rimasto. Forse!
Acquistalo subito

 

Virus letali e Terrorismo mediatico
di Claudia Benatti, ed. Macro
ISSN: 88-7507-400-3,
9,50, nr. pagine 98

Il terrorismo psicologico di armi batteriologiche e/o chimiche sta sicuramente provocando più danni e vittime tra la popolazione mondiale degli stessi agenti patogeni tanto cari ai media e ai bioterroristi in generale. 
I media sappiamo come usano ogni mezzo a loro disposizione per attirare l'attenzione e vendere qualche copia in più, o per aumentare l'odiosa audience televisiva. Ma come attirare l'attenzione della massa? Semplice: attraverso notizie allarmanti! 
Se siamo onesti dobbiamo ammettere che un titolo a caratteri cubitali che denuncia il pericolo di un attacco globale, per esempio, con la peste bubbonica incuriosisce molto di più di un titolo che denuncia la nuova manovra finanziaria del governo, o sbaglio? Anche se tale manovra magari provocherà più danni economici di un vero e proprio attacco bioterroristico! 
Attraverso tecniche psicosociali, le informazioni allora vengono veicolate in modo tale da generare un minimo di allarmismo: se si sapesse che l'antrace e/o il vaiolo non sono così pericolosi per la salute pubblica si rischierebbe un calo di attenzione. Guai! Attenzione alta implica sempre un ritorno in termini economici.
In questo strepitoso libro Claudia Benatti denuncia, con tutte le documentazioni del caso, l'incredibile terrorismo mediatico portato avanti dagli organi ufficiali, e l'ancora più grave disinformazione in merito alle armi batteriologiche e i fantomatici vaccini.
Vaccini che l'autrice conosce molto bene essendo la presidentessa di VacciNetwork. Associazione, senza ombra di dubbio una delle più competenti a livello italiano, che lotta da diversi anni contro le vaccinazioni obbligatorie, denunciando con una incredibile mole di prove e testimonianze, la pericolosità di queste pratiche mediche preventive.
Quindi pochissime persone sono più competenti della Benatti sull'argomento in questione, e questo lo si percepisce leggendo il libro, capitolo dopo capitolo. Un libro intrigante che mi ha appassionato moltissimo, e se devo essere onesto, che attendevo per chiarirmi alcuni dubbi nati nella mia mente dopo la denuncia mondiale dell'antrace e del vaiolo. Dubbi che oggi sono stati riempiti totalmente e che mi hanno confermato ahimè i sospetti di una strategia politicomilitare dietro questa manovra per salvare l'umanità dai pericolosi terroristi in camice bianco e maschera NBC.
Se anche voi avete qualche dubbio in merito vi consiglio di leggervi questo libro, se invece pensate di sapere tutto, vi consiglio lo stesso di leggervi questo libro perché molto spesso la realtà supera ogni immaginazione. L'11 settembre 2001 insegna!

 

Kankropoli - la mafia del cancro
Il dossier che ha fatto esplodere il caso Di Bella
di Alberto R. Mondini - A.R.P.C. Associazione per la Ricerca e la Prevenzione del Cancro

Meraviglioso! Non ho altre parole per descrivere questo capolavoro.
Sull'argomento salute ho letto diversi libri, tutti, chi più chi meno scorrevoli e/o interessanti ma questo libro di Mondini mi ha colpito particolarmente sia per la semplicità, priva delle solite nomenclatura tecnico-scientifiche, ma soprattutto per l'immensa mole di informazioni che raccoglie. Documentazioni, testimonianze, interviste, ricerche che dimostrano senza ombra di dubbio e con prove inconfutabili l'esistenza di un establishment sanitario radicato e molto potente. Il dizionario definisce establishment come: "alta gerarchia di persone che difende la struttura tradizionale". Niente di più esatto. Una gerarchia, visto che stiamo parlando di cancro, composta dalle vette più alte della ricerca medica, delle multinazionali chimicofarmaceutiche che difende con tutti i mezzi leciti e non la ricerca ufficiale da qualsiasi "altra" ricerca pur se comprovata da risultati eccezionali e testimonianze ineccepibili. Questa voglia di proteggere gli interessi di pochi e le cattedre di altri, si scontra però con un grossissimo problema sociale: le persone continuano come non mai a morire di cancro! Dopo tutti questi anni di promesse, false illusioni, nuovi medicinali, ecc. qual è la situazione attuale? "I nostri vent'anni di guerra al cancro sono stati un fallimento su tutta la linea". Non sono le parole di un medico eretico come Di Bella ma di un certo John C.Balair, professore di epidemiologia e biostatistica alla Mc Gill University, uno dei massimi esperti di oncologia del mondo.
Ma allora ci hanno preso in giro per anni e anni? Perché quelle lusinghiere dichiarazioni attraverso i media da parte dei luminari della scienza? Che sia per tutti quei centinaia di milioni di euro che ogni anno ricevono per la ricerca? 
Mentre loro pensano come investire tutti questi soldi, abbiamo da una parte tantissime persone che muoiono, dall'altro una folta schiera di ricercatori indipendenti che a proprie spese e molto spesso rischiando la galera e la carriera se non addirittura la vita propongono metodi alternativi, economici e molto semplici dai risultati eccezionali. Perché quasi nessuno conosce Ricercatori, con la erre maiuscola, come Alessiani, Bonifacio, Zora, Hamer, Pantellini, Gorgun, e molti altri? Medici che propongono ognuno una cura diversa, ma che avevano in comune l'amore per la ricerca, quella vera, e centinaia se non migliaia di testimonianze positive, di guarigioni incredibili, di casi senza speranza per la medicina ufficiale che "miracolosamente" regrediscono. Per tutto questo come sono stati trattati dalla "scienza"? Be', i più "fortunati" come per esempio Di Bella sono stati boicottati, messi alla gogna, derisi pubblicamente, altri come Alessiani sono stati minacciati di morte, oppure radiati dall'albo dei medici come è successo ad Hamer. 
Potrei continuare a lungo in questa carrellata, ma concludo battendo le mani a Mondini e ringraziandolo per essere riuscito a condensare in un libro tutte le ricerche e le disavventure di questi grandissimi scienziati, colpevoli di aver scoperto metodi semplici, indolori, naturali, e purtroppo economici che mettevano e mettono tuttora a repentaglio gli enormi interessi che si nascondono dietro le malattie "cosiddette incurabili".

 

La mafia della $anità
di Guylaine Lanctot, ed. Amrita - Macro
ISSN: 88-7507-078-4,
9,30, nr. pagine 270

Nonostante il titolo lasciasse poco spazio alle interpretazioni non potevo certo immaginare il coraggio e la determinazione della Lanctot, un medico canadese che dopo aver collaborato per anni con le multinazionali della chimica rendendosi conto di persona dei giochi di potere e degli enormi interessi economici, ha denunciato tutto al mondo intero in questo strepitoso ed entusiasmante libro!
Non la classica denuncia gratuita al sistema sanitario mondiale, cosa questa purtroppo molto diffusa nella rete e/o in libreria, che non propone una valida alternativa! La dott.sa Lanctot spiega per filo e per segno tutte le motivazioni per le quali il sistema medico attuale (canadese, statunitense e italiano) fa acqua da tutte le parti e continuerà a farlo se non si cambia decisamente strada, spiegando però un sistema che ognuno di noi può, e forse deve, mettere in pratica per ri-entrare in possesso della propria salute. Un ri-entro necessario e obbligatorio se si vuole ri-diventare padroni della propria vita. Quella stessa salute spodestata dal potere economico e finanziario ideato dalle transnazionali, messo in pratica da governi e istituzioni pubbliche compiacenti.
Il libro è una vera e propria denuncia ricca di informazioni e controinformazioni utili: per tanto lo consiglio a tutte quelle persone che desiderano cambiare qualcosa nell’attuale sistema sanitario o almeno vogliono provarci. 

 

L'uomo che ha inventato il XX Secolo
di Robert Lomas, ed. Newton & Compton
ISSN: 88-8289-371-5,
11,82, nr. pagine 191

Come mai il nome di Nikola Tesla è legato solamente ad una unità di misura? 
Dopo aver studiato elettronica per diversi anni, posso confermare che nei programmi ministeriali non figura il nome di questo grandissimo scienziato se non come una semplice unità di misura del campo magnetico! Fin qui nulla di strano se non si considera che a Nikola Tesla, come dice il titolo del libro, va il merito di aver inventato praticamente il XX secolo. Non sto vaneggiando questa è storia, purtroppo quella storia sconosciuta e/o dimenticata! 
A Tesla infatti si devono scoperte come il generatore di energia idrostatica, l'illuminazione a fluorescenza, il motore rotante, la turbina senza pale e, aprite bene le orecchie, la corrente alternata. Avete capito bene? La corrente alternata. Quella stessa che ci permette di avere luce in casa e di far funzionare qualsiasi apparecchiatura elettrica ed elettronica.
Non solo, ma dal 1893 al 1895 inventò il circuito di sintonia, il tubo catodico, e il microscopio elettronico prima ancora della scoperta degli elettroni. Ma la cosa meno conosciuta al grande pubblico è la paternità della radio, tutti la collegano al nostro Guglielmo Marconi, e invece la Corte Suprema degli Stati Uniti d'America ha confermato la paternità a Nikola Tesla!
Un libro veramente illuminante che tenta di fare chiarezza storica e scientifica in un periodo ricchissimo di scoperte e invenzioni, ma soprattutto rendendo giustizia una volta per tutte alla vita e alle opere di uno dei più grandi geni del XX secolo, e se leggerete il libro capirete che non è una esagerazione. Talmente grande che è passato direttamente nel dimenticatoio!   
Un grazie di cuore a Robert Lomas per essere riuscito attraverso il suo libro a divulgare e diffondere il nome di Nikola Tesla!

 

Le Società segrete e il loro potere nel Ventesimo secolo
di Jean van Helsing, ed. Andromeda fax. 051/491356
nr. pagine 188

Una guida eccezionale attraverso gli Imbrogli delle Logge con l'Alta Finanza e la Politica.
Chi ama le letture intriganti di David Icke non può certamente perdere questa eccezionale dispensa edita da Amdromeda. Per tutti quelli che non conoscessero questa casa editrice, posso solo dire che è uno dei pochi editori che ha il coraggio di pubblicare libri e/o dispense su determinate tematiche molto particolari e importanti (free-energy, disinformazione medica, cospirazionismo, nuove tecnologie, ecc).
Perché merita questa pubblicazione? Beh, innanzitutto perché l'ex giornalista della BBC (David Icke) ha preso spunto per i suoi lavori proprio dai testi di van Helsing, e poi perché comprende veramente di tutto. Non è possibile elencare in questa sede tutte le tematiche affrontate perché non basterebbero due videate di computer, però sappiate che spazia dalle logge massoniche dall'antichità fino ai nostri giorni dando ampio spazio ai Protocolli degli Anziani Eruditi di Sion (tutti e ventiquattro) in versione integrale, passando per il nazismo esoterico di Hitler e compagnia bella, per arrivare a descrivere tutti gli strumenti usati dal potere per controllare il sistema: CFR, ONU, IMF, Commissione Trilaterale, ecc Non potevano mancare naturalmente il vaticano, lo stato d'Israele e i vari servizi segreti. Insomma, ce n'è proprio per tutti i gusti!
Quindi senza ombra di dubbio consiglio questo testo a tutti gli amanti del mistero e delle cospirazioni occulte, ma anche a tutte quelle persone che amano la storia e che però hanno voglia di mettere in discussione i propri studi e le proprio certezze.

 

La Fattoria Biologica: agricoltura secondo Natura
di Masanobu Fukuoka - ed. Mediterranee
nr. pagine 315 -
€ 18,08

Masanobu Fukuoka, il giapponese considerato dai suoi compatrioti il "Lao Tzu dei nostri giorni" ha riassunto in un libro di oltre 300 pagine circa 50 anni di agricoltura naturale. Non la classica agricoltura ma un vero e proprio cammino spirituale.
Leggendo attentamente questo lavoro ho visto crollare capitolo dopo capitolo una alla volta tutte le certezze, o almeno quelle oggi considerate tali, dell'agricoltura scientifica.
Partendo dall'aratura che "in teoria" servirebbe ad aumentare la penetrazione dell'aria nel terreno, si scopre che questo ha senso solo in un contesto innaturale, dove vengono usati pesticidi e fertilizzanti. In un terreno naturale invece l'effetto provocato dall'aratura è controproducente perché compatta il terreno e diminuisce la porosità; come quando s'impasta il pane. Il risultato è un terreno più denso e duro!
Che dire della sarchiatura? Certamente fonte di grande lavoro per il contadino rimuovere le cosiddette "erbacce". Ma nessuno ha mai messo in dubbio la credenza comune che le piante infestanti siano un serio danno per la coltivazione dei raccolti? In Natura le piante vivono e prosperano insieme. Ebbene, secondo Fukuoka, le radici delle erbe penetrano a fondo nel terreno contribuendo a smuoverlo (facendo entrare aria) e, quando muoiono forniscono l'humus che permette ai microbi di proliferare arricchendo il terreno. Meglio di così? Tutto avviene da solo e a gratis!
I tanto osannati e soprattutto utilizzati fertilizzanti hanno un intero capitolo tutto per loro. Lampante è la posizione dell'autore a riguardo di queste sostanze non naturali, nelle parole: "il raccolto dipende solo dal terreno". Se guardiamo le piante che crescono sulla Terra, ci rendiamo effettivamente conto che esse lo fanno indipendentemente dalle conoscenze e/o azioni umane.
Il libro però oltre a smontare le teorie ufficiali dell'agricoltura, propone il sistema naturale, spiegando per filo e per segno cosa serve e quali sforzi bisogna fare per mettere su una vera e propria fattoria biologica. Una fattoria in totale armonia e equilibrio con la Natura circostante, dove far crescere verdure e ortaggi - tipo sotto bosco - all'ombra dei frutteti, dove determinate piante proteggono le altre dagli insetti, dove le piante infestanti assumono un ruolo (come tutto il resto) importantissimo nella fertilizzazione della terra, ecc
Ma allora perché usare tutta questa chimica, tutte queste macchine? Non è meglio lasciare fare all'agricoltore per antonomasia: la Natura?
Certamente sì! Però chi ci guadagna più? Chi pensa alle povere corporazioni mondialiste della chimica e dei sementi? 
Un libro che considero veramente di rottura e che pertanto consiglio a tutti, anche a quelli come me che la zappa l'hanno vista disegnata solo nei sussidiari delle scuole.

 

...E la Verità vi renderà Liberi
Dr. David Icke Ed. Macro
n° pagine 585 , Lit. 30.000 anno 2001, ISBN 88-7507-308-2

Dopo aver divorato il suo precedente lavoro: "Io sono libero, io sono me stesso" non potevo non immergermi nell'ultima fatica di David Icke; perché di fatica si tratta visto che in un tomo di oltre 560 pagine, strapiene di informazioni, date, luoghi, nomi e cognomi, viene esposta la storia reale che sta dietro gli eventi globali che modellano il futuro, il nostro futuro!.
Eventi che a differenza di quanto studiato a scuola sono stati - e continuano a esserlo - manipolati da un potere occulto che trama da secoli per il controllo globale. 
Il Grande Fratello profetizzato da Orwell si materializza nel Nuovo Ordine del Mondo o anche Élite; un gruppo costituito da personaggi potentissimi (i famosi burattinai) che decidono per noi, meglio per loro, le sorti dell'intero pianeta.
Come riescono a fare tutto questo? Controllando le principali banche nazionali, i mezzi d'informazione, le multinazionali, i vertici politici e religiosi è possibile dirottare a proprio piacimento gli accadimenti. Se vi sembra impossibile, leggetevi il libro! 
Non posso dire se quanto scritto da Icke è vero o falso, quello che posso testimoniare è che dopo averlo letto il confine della mia personale comprensione si è allargato permettendomi di osservare i fatti passati e presenti da un altro punto di vista, sotto una nuova luce. In questa dimensione le spiegazioni ufficiali e le cosiddette verità oltre a perdere il loro valore assoluto si possono anche inquadrare in un contesto molto più ampio e controverso di manipolazione. Un controllo deciso da pochi eletti, il cui obiettivo dovrebbe essere quello della creazione di un governo, una moneta e un esercito mondiali che agevolerà la gestione globale. 
Non ci sono parole per descrivere l'incredibile contenuto del libro. 
Bisogna assolutamente leggerlo!!! 

 

Il Settimo Senso
Dr. Nader Butto Ed. Mediterranee
n° pagine 181, Lit. 28.000 anno 2001, ISBN 88-272-1206-X

Un opera ardua e coraggiosa: riuscire a fondere in un unico libro la teoria orgonica del dott. Reich, la visione energetica cinese e quella indiana dei chakras il tutto in un universo olografico non è certo cosa facile.
Invece il dott. Butto, cardiologo israeliano, partendo da una preparazione medica ortodossa, dopo aver integrato fisica quantistica e medicina tradizionale orientale, è giunto alla comprensione olistico-vibratoria dell'essere umano; non più solo cellule e organi ma anche emozioni e soprattutto energia. 
Mancava infatti secondo Butto qualcosa nelle spiegazioni ufficiali mediche della malattia e quel qualcosa, ha scoperto dopo anni di studi, è la parte meno visibile meno percettibile: l'energia.
Quella stessa energia rappresentata matematicamente da Albert Einstein nella famosa equazione (e=mc*2), che oltre ad essere contenuta nella materia prima permea l'intero universo e influenza attivamente la vita. Ecco allora che la definizione di malattia assume un significato più ampio: da squilibrio organico causato più o meno da agenti opportunisti e/o da fattori congeniti, si passa ad una concezione energetico-emozionale dove l'essere vivente oltre ad essere fatto di energia condensata è immerso nell'energia e ne assorbe determinate frequenze. L'assorbimento o viceversa la perdita di questa energia dipende molto dallo stato emozionale; una emozione infatti può influire nella vita positivamente se viene vissuta come esperienza da cui trarre insegnamento, oppure negativamente senza essere integrata causando un notevole dispendio energetico che può portare alla malattia. Grazie alle tecniche di "lavaggio e regressione" energetiche Butto è in grado di ricostruire l'anamnesi patologica della malattia andando, una volta compresa l'origine del problema (trauma), a sbloccare il tutto favorendo il normale ripristino della guarigione.
Un libro veramente straordinario che insegna in maniera semplice e intuitiva l'importanza nella salute dell'energia, non certo quel concetto occidentale relegato a definizioni scolastiche e/o accademiche, ma a quello molto più sottile e metafisico che non per niente rappresenta il fulcro di quasi tutte le teorie filosofiche e mediche plurimillennarie in Oriente.  

 

Di Bella. Un po' di verità
Edito da TRAVEL FACTORY srl
Via dei Maroniti 37 00187 Roma
Tel 06/6789984 Fax 06/6991260

"Un regime politico, una casta economico-finanziaria potrà deviare il percorso con artifici impensati. Ma la verità, anche se camuffata, dovrà farsi strada. La sentenza del S. Uffizio non ha cambiato la dinamica del sistema solare e non chiuse la bocca di Galileo. Sarebbe forse ora che si finisse di adoperare gli ammalati come animali da esperimento, che si cominciasse ad impostare la ricerca sul cancro su principi totalmente diversi, dopo oltre mezzo secolo di più che convincenti insuccessi"

Prof. Luigi Di Bella

Il testo è ricco d'informazioni tecniche, dati medici e testimonianze dirette di persone che hanno provato sulla loro pelle la terapia Di Bella (MDB). Una spiegazioni dettagliata dei famosi protocolli (se n'è tanto parlato ma nessuno ne sa nulla) e di come l'ottusa e cieca razionalità scientifica ha impedito l'interpretazione corretta dei dati, dall'altra oscuri interessi economici sono riusciti a modificare e quindi a compromettere gli insegnamenti pratici del professore modenese. Un elogio quindi a Vincenzo Brancatisano, al suo coraggio e alla sua determinazione nel cercare a tutti i costi di fare chiarezza!
Consiglio questo libro proprio a tutti, luminari e baroni della scienza inclusi, nella speranza che il cammino verso la verità (medica e spirituale) non venga intralciato da interessi economici. Quegli stessi poteri che in passato sono riusciti a "sotterrare" grandissimi ricercatori colpevoli di aver "trovato" un rimedio economico e non tossico, vedi Hamer, Bonifacio e molti altri
Acquistalo subito

 

Il Secolo Biotech, il commercio genetico e l'inizio di una nuova era
Jeremy Rifkin Ed. Baldini&Castoldi
n° Pagine 382 Lit. 34.000 Anno 1998 ISBN 88-8089-507-9
 
Volete sapere come sarà il prossimo secolo, quello della rivoluzione biotecnologica? Jeremy Rifkin, che in qualità di economista esperto in scenari ha collaborato con capi di Stato e ministri di vari Paesi del mondo, espone in maniera semplice e sintetica quello che ci attenderà. Dalla manipolazione degli alimenti, alla creazione e diffusione nell’ambiente di nuovi virus, batteri e animali transgenici, cloni umani privi di cervello da utilizzare come fabbrica d’organi. Dai brevetti miliardari sulla vita delle multinazionali farmaceutiche alle armi genetiche in grado di eliminare gruppi selezionati di genotipi. Per arrivare alla nascita di bambini fuori dall’utero materno. Un libro bellissimo che consiglio proprio a tutti, anche a quelli (come me) che non masticano molto di genetica.
pcello

 

Le bugie della scienza. Perché e come gli scienziati imbrogliano
Federico Di Trocchio Ed. Oscar Saggi Mondadori
n° pagine 364 Anno 1993 Lit. 17.000 ISBN 88-04-39458-7
 
"L'unica cosa veramente certa che si possa dire a proposito di una teoria è che essa prima o poi verrà dimostrata falsa", partendo da questo pensiero di Karl Popper, Di Trocchio ci presenta uno dei lati oscuri del mondo scientifico: l'Imbroglionica. Determinando la sua nascita, quando la scienza da vocazione si è trasformata in professione.
Una volta s'imbrogliava per un' idea, oggi invece lo si fa per denaro. Ecco che nel lungo elenco di grandi luminari troviamo: Tolomeo, accusato di aver inventato la più grande bugia scientifica di tutti i tempi: la teoria geocentrica, Galileo (il padre della sperimentazione) che non avrebbe fatto alcuni degli esperimenti da lui dettagliatamente descritti, Newton che cambiava il valore dei parametri in gioco finche non otteneva quello che voleva. Non solo, ma... tenetevi forte, la lista continua con Einstein, Segré, Millikan, Kekulé, Mendel, Robert Gallo e molti altri.
La cosa veramente interessante del libro è che finalmente qualcuno ha avuto il coraggio di mettere dall'altra parte del microscopio dei geni universalmente riconosciuti, e per questo, considerati "intoccabili".
pcello

 

Malattia e destino il valore e il messaggio della malattia
Thorwald Dethlefsen, Rudiger Dahlke
Ed. Mediterranee n° Pagine 278 Lit. 25.000 Anno ristampa 1999
ISBN 88-272-0075-4
Che significato hanno le malattie nella nostra vita?
Secondo lo psicologo e psicoterapeuta Thorwald Dethlefsen e il medico Rudiger Dahlke esiste una unica malattia che fa parte integrante della condizione patologica dell'uomo. Questa si manifesta in molteplici forme: infezioni, mal di testa, incidenti, dolori, tumori ecc. ed accompagna l'uomo per tutta la vita, fino alla morte.
Il sintomo diviene così espressione visibile di un processo invisibile. Non solo, ma Il corpo -continuano i due terapisti- non può ammalarsi perché in esso si esprimono solamente le informazioni della coscienza.
Siamo di fronte al cambiamento radicale del concetto di malattia e salute. Tutte le patologie (s'intendono proprio tutte, ndA) che che interessano il corpo, si originano nella psiche e ci avvertono che la coscienza ha perso l'equilibrio con l'ambiente circostante (Universo). Non solo ma questi sintomi devono essere interpretati e compresi affinché il nostro cammino evolutivo continui senza intoppi. Ammalarsi fa bene! è il loro motto.
Il libro scritto in maniera semplice si divide in due parti, la prima in cui viene spiegata la teoria e la seconda dove vengono analizzate le più diverse manifestazioni sintomatiche. La lettura può mettere un po' in crisi le persone che credono alla malattia secondo la concezione organicistica, e cioè che sono i singoli organi ad ammalarsi e non l'uomo nella sua interezza, ma nonostante questo lo consiglio proprio a tutti perché una visione alternativa dell'universo e delle sue leggi è senz'altro di aiuto nell'accrescimento interiore.
pcello

 

Ciò che i dottori non dicono: la verità sui pericoli della medicina moderna
Lynne McTaggart Ed. Macro edizioni
n° pagine 353, Lit. 25.000 anno 1999, ISBN 88-7507-187-x
 
Lo sapevate che se vi trovate in ospedale c'è una probabilità su sei che siate lì proprio perché qualche tipo di terapia medica moderna non ha funzionato? E una volta entrati, avete una possibilità su sei di morirci o di essere vittima di lesioni durante la permanenza? Per fare un esempio, se vivete negli Stati Uniti, dove circa 40.000 persone muoiono ogni anno di morte violenta, avrete sempre il triplo delle possibilità di essere uccisi da un dottore piuttosto che da una pistola!
Le statistiche vogliono sfatare una delle certezze più solide con le quali siamo cresciuti, e cioè quella che la medicina è una scienza nobile, basata su ricerche di laboratorio, con prove e riprove accurate. In questo libro l'autrice descrive dettagliatamente i pericoli delle terapie a base di medicinali, illustra non solo come vengono creati i vaccini per le malattie infettive ma anche i danni da loro provocati al sistema immunitario. Per non parlare poi dei rischi che incorriamo giornalmente quando facciamo un esame (ritenuto normalissimo), come il pap-test, l'amniocentesi, la mammografia, la tac, l'ecografia ecc.
Consiglio questo libro a tutti (medici inclusi, sigh!), nella speranza che un giorno la medicina, da semplice tornaconto quale è oggi, diventi la vera arte della vita.
Concludo ricordando che non bisogna seguire ciecamente gli ordini del medico, ma bisogna pretende risposte chiare. 
pcello

 

La medicina sottosopra e se Hamer avesse ragione?
Giorgio Mambretti e Jean Séraphin Ed. Amrita
n° pagine 117, Lit. 15.000 anno 1999, ISBN 88-87622-00-0

Già dalle prima pagine si percepisce la portata e l'immensità dell'opera del dott. Hamer, il quale dopo aver provato sulla propria pelle il tumore e dopo aver analizzato circa 20mila cartelle cliniche, è arrivato alla conclusione che OGNI malattia presenta a monte sempre un trauma o conflitto ben definito e vissuto nell'isolamento.
Ecco allora che la malattia in generale diviene un meccanismo di difesa innescato dal cervello al solo scopo di superare il conflitto che altrimenti porterebbe alla morte. Questo perché, secondo la Nuova Medicina di Hamer, l'uomo possiede dei programmi biologici di continuazione e sopravvivenza della specie, e quando un forte trauma (morte di un parente, delusione amorosa, ecc) fa la sua comparsa, il cervello reagisce attivando tali programmi biologici e scatenando la malattia per il semplice motivo di superare il trauma. 
Quindi anche se per molti potrà sembrare un'eresia e un controsenso la malattia è utile e indispensabile per sopravvivere, essa altro non è che un chiarissimo campanello d'allarme che il cervello materializza sul corpo per segnalare la perdita dell'armonia. 
La Nuova Medicina non è la panacea di tutti i mali, ma è una tra le tante porte che conducono alla Verità e alla Salvezza. Come tutte le porte però, per aprirle abbiamo bisogno della giusta chiave che in questo caso è rappresentata dall'informazione; difatti secondo l'illustre scienziato basterebbe comprendere la vera motivazione della causa del male per invertire il processo patologico.
Questo libro è entrato a pieno titolo tra le mie letture preferite, e spero che molte altre persone condividano con me la gioia della riscoperta della Vera Medicina.
pcello

 

La vera storia dell'AIDS
David Rasnick Ed. Spirali
n° pagine 264, Lit. 35.000 anno 2001, ISBN 88-7770-574-4

Gli scienziati e/o ricercatori che riescono ad avere successo e soprattutto una buona penna come romanzieri sono abbastanza rari; però dopo la lettura di questo libro penso che il nome di David Rasnick allungherà tale lista. 
Ufficialmente collabora con il professor Peter Duesberg presso il Dipartimento di Biologia Molecolare e Cellulare dell'University of California a Berkeley, dove si occupa dell'analisi del controllo metabolico di sistemi biologici complessi per spiegare la genesi e lo sviluppo del cancro. 
Premetto che quando ho iniziato a leggere "La vera storia dell'AIDS" pensavo si trattasse del "classico" libro scientifico dedicato a demolire le ipotesi AIDS=HIV e quindi mi ero preparato psicofisicamente a decifrare grafici, memorizzare centinaia di dati e formule. Invece con estrema meraviglia mi sono ritrovato proiettato in un avvincente e intrigantissimo romanzo dove alle disavventure di una giornalista scientifica, incaricata d'investigare il fenomeno A.I.D.S., si affiancavano teorie ufficiali che individuavano l'HIV come causa primaria della sindrome da immunodeficienza, ad altre teorie, naturalmente non riconosciute, che invece scagionavano questo innocuo retrovirus puntando il dito invece su....(non vorrei rovinarvi la lettura).
Una impresa formidabile quella di Rasnick; riuscire in poche pagine a raccontare una delle più grandi truffe mediche di tutti i tempi, perpetrate dalle potentissime holding farmaceutiche e dall'establishment scientifico nei confronti dell'intero pianeta, in maniera così simpatica e scorrevole non è da tutti.
E' un saggio (o romanzo? sinceramente non so come definirlo) che consiglio vivamente a tutti gli appassionati di romanzi avvincenti e a tutte quelle persone a cui invece sta a cuore la verità.
pcello


www.disinformazione.it