Home Page - Contatti - La libreriaLink - Cerca nel sito - Pubblicità nel sito - Sostenitori

- Pagina guerre
- Pagina vaccinazioni

Virus del vaiolo modificato geneticamente
Fonte: Vaccinetwork www.vaccinetwork.org 

L'Organizzazione Mondiale della Sanità potrebbe autorizzare la modificazione genetica del virus del vaiolo e quindi impedire definitivamente che i campioni ancora esistenti vengano distrutti, come invece avrebbe dovuto già accadere. 
La decisione verrà presa il prossimo 16 maggio dall'organo di governo dell'Oms, l'Assemblea Mondiale della Sanità (Ams), su proposta di una delle commissioni controllata da un numero ristretto di Paesi che hanno già i mezzi per lavorare in questo senso. I rischi di questa potenziale decisione sono altissimi e per questo numerose organizzazioni non governative hanno lanciato una campagna internazionale per sollecitare l'Oms a respingere la proposta. 
Le ong, coordinate da Third World Network e The Sunshine Project, hanno aperto un sito web, www.smallpoxbiosafety.org (ci sono anche pagine in italiano), da cui organizzazioni e singoli possono inviare lettere al direttore generale dell'Oms. La proposta di modificare geneticamente il vaiolo, di inserire geni del vaiolo in altri virus della famiglia e di distribuire senza restrizioni frammenti di Dna virale pone una vasta gamma di rischi di salute pubblica, sicurezza biologica e di proliferazione di armamento biologico. La richiesta, proveniente dagli Stati Uniti, viene presentata all'Ams da una commissione assai sbilanciata, che l'ha già valutata favorevolmente. La Russia e gli Stati Uniti mantengono ancora campioni del virus del vaiolo. Nel 1999 avrebbero dovuti essere distrutti ma i due Paesi opposero resistenze alle risoluzione dell'Ams e gli Usa diedero persino nuovo impulso alla ricerca su questo stesso virus. Se l'Ams dovesse raccogliere le raccomandazioni manderebbe un segnale di incoraggiamento per la creazione di malattie su misura, con rischi elevatissimi che coinvolgerebbero tutta la popolazione mondiale. Oltre al sito sopra citato, che ha anche disponibile la versione italiana, si possono prendere contatti anche con: Third World Network, Kuala Lumpur, Malesia, e-mail twnkl@po.jaring.my; The Sunshine Project, Austin, Texas, Stati Uniti, e-mail tsp@sunshine-project.org.


www.disinformazione.it